08 Dicembre 2019
[]

Banco per polveri di toner

Banco per polveri di toner

BANCO ASPIRANTE PER POLVERI DI TONER
Descrizione del banco serie “BF”

Il banco filtrante BF è costruito con pannellature pressopiegate incastonate in un robusto telaio.
La struttura compatta permette di raggiungere livelli di massima funzionalità con un ingombro decisamente ridotto.
La cartuccia viene appoggiata sul piano di lavoro e qui soffiata con la pistola ad aria compressa.
La polvere di toner viene aspirata dalla tramoggia sottostante grazie alla depressione creata all'interno del gruppo dal ventilatore centrifugo, da qui viene trasportata nella sezione filtrante dove sono alloggiate le cartucce filtranti in poliestere che provvedono alla depurazione completa dell'aria; le ultime particelle di polvere vengono trattenute dal filtro assoluto posto sull'uscita del ventilatore.
L'aria raggiunge così una depurazione del 99% e può essere reimmessa nell'ambiente.

Sistema di pulizia cartucce filtranti: la pulizia delle cartucce filtranti avviene mediante un sistema a scuotimento pneumatico; il serbatoio, alimenta le tre elettrovalvole che, regolate da un pannello ciclico, generano un flusso d'aria a pressione prestabilita all'interno delle cartucce filtranti.
Il residuo ricade nel contenitore di raccolta, ermetico e facilmente estraibile grazie all'attacco rapido.
Cartucce filtranti
Sono cartucce filtranti in tessuto di poliestere.
Il setto filtrante pieghettato è unito, mediante fusione, alla flangia ed alla base, entrambe in materiale plastico.
I materiali filtranti sono trattati con una resina a base di grafite che conferisce caratteristiche di conducibilità elettrica.
Gli appositi nastri che fissano le pieghe sui due lati del setto filtrante, così come le due flange (quella inferiore e quella superiore) sono trattati con un procedimento di verniciatura a base di compositi di grafite.
La guarnizione premontata sulla flangia superiore possiede caratteristiche di conducibilità elettrica dovute ai componenti usati per la mescola della gomma.
Da sottolineare il fatto che le cartucce mantengono la loro caratteristica di conducibilità elettrica anche dopo ripetuti cicli di rigenerazione (lavaggi) e che sono certificate DTM (viene attestata la conducibilità elettrica delle stesse).
Tali elementi filtranti vantano determinate caratteristiche:
• elevato rendimento di separazione;

• grande superficie filtrante specifica con un ridotto volume di costruzione;

• elevata resistenza meccanica anche in condizioni d'esercizio estremamente gravose;

• rigenerabilità mediante lavaggio;

• sistema di controflangia di adattamento brevettato;

• adatte alla separazione di polveri nocive alla salute, in conformità al certificato ufficiale BIA secondo ZH 1/487, p. 2;

• consistente resistenza chimica agli acidi ed ai solventi.

Il posizionamento e il fissaggio delle cartucce nella loro sede è semplicissimo in quanto viene effettuato sulla flangia di adattamento, con una semplice rotazione della cartuccia stessa.

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]